CAMPO DELL'OSSO: la Storia.

Era il 1960 quando Ottavio Tarantini si innamorò di Livata, la montagna di Roma, e coinvolse amici e parenti ad acquistare terreni contigui per la costruzione di un vero e proprio villaggio costituito da casette tipiche di montagna, nella parte più alta del monte, 1580 metri, località “Campo dell’Osso”.

Facendo il verso alle università americane lo chiamò “Confraternita dei Miceti” evocando nel nome un elemento molto presente sul territorio: il fungo.

Con buona dose di goliardia si autoproclamò “Priore della Confraternita”.

Le condizioni dell’epoca, lumi a petrolio per l’illuminazione, pompe a mano per l’estrazione dell’acqua, stufe a legna e carbone per il riscaldamento, assenza di linea telefonica, hanno reso gli abitatori di una località a soli 100 km da Roma dei veri e propri “pionieri” che vivevano con piacere il contatto più estremo con la natura.

Nel breve volgere del tempo arrivarono tutti i servizi e il Priore cominciò a costruire una nuova struttura che anno dopo anno saliva un piano dopo l’altro. A chi gli chiedesse il perché di questa lenta ma inesorabile ascesa verso il cielo, il Priore candidamente rispondeva: "io devo arrivare a veder le stelle”.

La condivisione all’insegna del divertimento era il tratto distintivo della Confraternita che, animata dallo spirito di organizzazione del Priore ha vissuto anni di fervore animativo. Noi, figli del Piore, all’epoca bambini, nutriti da questo spirito, ci ripromettiamo con questo progetto, di far rivivere le stesse emozioni ai nostri figli ed ai bambini di oggi.

 

 

 

 

Storia del borgo

Written by Super User. Posted in Sito

Era il 1960 quando Ottavio Tarantini si innamorò di Livata, la montagna di Roma, e coinvolse amici e parenti ad acquistare terreni contigui per la costruzione di un vero e proprio borgo costituito da casette in legno, nella parte più alta del monte, 1580 metri, località “Campo dell’Osso”. Facendo il verso alle università americane lo chiamò “Confraternita dei Miceti” evocando nel nome un elemento molto presente sul territorio: il fungo (inserisci disegno). Con buona dose di goliardia si autoproclamò “Priore della Confraternita”. Le condizioni dell’epoca, lumi a petrolio per l’illuminazione, pompe a mano per l’estrazione dell’acqua, stufe a legna e carbone per il riscaldamento, assenza di linea telefonica, hanno reso gli abitatori di una località a soli 100 km da Roma dei veri e propri “pionieri” che vivevano con piacere il contatto più estremo con la natura.

Nel breve volgere del tempo arrivarono tutti i servizi e il Priore cominciò a costruire una nuova struttura che anno dopo anno saliva un piano dopo l’altro. A chi gli chiedesse il perché di questa lenta ma inesorabile ascesa verso il cielo, il Priore candidamente rispondeva…….. “io devo arrivare a veder le stelle”.

La condivisione all’insegna del divertimento era il tratto distintivo della Confraternita che, animata dallo spirito di organizzazione del Priore ha vissuto anni di fervore animativo. Noi, figli del Piore, all’epoca bambini, nutriti da questo spirito, ci ripromettiamo con questo progetto, di far rivivere le stesse emozioni ai nostri figli ed ai bambini di oggi.

Immagine scannerizzata dei disegni del babbo (se po’ fa’?)

Didascalia

Locandine che riproducono alcune delle attività di quel periodo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Informativa. Informativa